Qual è la distanza giusta da mantenere per combinare funzionalità ed estetica

Ti sei aggiudicato una casa all’asta e non sai come arredarla? Come approfondito in diversi articoli, arredare la propria casa è una vera e propria arte che combina estetica e funzionalità. Uno degli aspetti cruciali in questo processo è senz’altro la gestione dello spazio, soprattutto quando si tratta di determinare quanto spazio lasciare tra i mobili. Scopriamo insieme come ottimizzare gli spazi interni.

Quanto spazio lasciare tra i mobili per ottimizzare ogni mq

Quando si parla di armonia domestica, il modo in cui disponiamo i mobili può fare la differenza tra una casa che sembra disordinata e uno spazio dove ogni elemento è in perfetto equilibrio. Ma, esattamente, quanto spazio lasciare tra i mobili? La risposta può variare in base a diversi fattori. Ecco alcuni nostri consigli per massimizzare l’armonia e la funzionalità dei tuoi spazi abitativi.

Le regole da seguire, dall’estetica alla funzionalità

Innanzitutto, il primo aspetto da considerare è il flusso di circolazione, nel senso che è fondamentale lasciare lo spazio sufficiente a muoversi liberamente nell’area abitativa. Una distanza di 75-90 cm tra i mobili è generalmente considerata ideale per permettere un passaggio comodo e sicuro, evitando quel senso di oppressione che spazi più ristretti potrebbero comunicare.

Lo spazio tra i mobili per ogni stanza

Nel cuore della casa, il soggiorno, lo spazio tra i mobili deve favorire interazione e una sensazione di comfort. Per cui, tra divano e tavolino da caffè, per esempio, sarebbe meglio mantenere una distanza di 45-50cm, così da permettere di raggiungere facilmente bevande o telecomandi senza sacrificare la comodità. Oppure, per mantenere una buona conversazione, meglio posizionare i divani e le poltrone a non più di 2,5 metri di distanza l’uno dall’altro.

Per la sala da pranzo, invece, è necessario lasciare spazio sufficiente per sedersi e alzarsi comodamente dalla sedia. In tal caso è da prediligere una distanza minima di 60 cm tra la sedia e la parete o il mobile più vicino quando non è in uso e almeno 90 cm quando qualcuno è seduto e deve spostarsi.

Nella camera da letto poi è essenziale non ingombrare gli spazi. A tal fine tra il letto e gli armadi, conviene lasciare almeno 60-75 cm per permettere l’apertura delle ante e facilitare il movimento. Accanto al letto, bisognerebbe considerare di lasciare almeno 45 cm per assicurare un accesso agevole al comodino.

Infine, nell’ufficio ricreato in casa, è importante che ci sia lo spazio sufficiente tra scrivania, sedia ed eventuali scaffali o archivi. Tendenzialmente dovrebbero esserci almeno 90 cm di spazio tra sedia e scrivania per mantenere un movimento ergonomico quando si lavora.

Insomma, questi sono solo alcuni consigli su quanto spazio lasciare tra i mobili per iniziare a progettare un ambiente domestico funzionale ed elegante.

Vuoi avere una soluzione abitativa migliore senza spendere un capitale? Valuta l’acquisto di una casa in asta. Vai sul sito di Immobiliallasta.it e cerca l’immobile che fa per te impostando i filtri in linea con le tue esigenze. Una volta trovato quello giusto per le tue necessità, contattaci e il nostro team di professionisti ti affiancherà in ogni fase dell’asta, fino all’aggiudicazione!


Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale

Lascia un commento