In estate è quasi impossibile non usare il condizionatore, ma quanto consuma?

Nei mesi estivi in molte città italiane il condizionatore in casa è diventato indispensabile per contrastare caldo e afa. Questo elettrodomestico mantiene la casa fresca e aumenta il comfort abitativo. Tuttavia c’è da considerare il costo in bolletta: si tratta infatti di uno degli elettrodomestici che consumano di più. Il loro utilizzo prolungato, quindi, può avere un impatto significativo sulle bollette.

È quindi cruciale capire quanto consuma un condizionatore all’ora e per l’intera giornata per prevedere i costi delle utenze.

Il consumo e il costo di un condizionatore dipendono da diversi fattori. Un elemento chiave per calcolare quanto consuma è la classe energetica. Più bassa è la classe energetica e più saranno alte le bollette e i consumi. Ecco una panoramica completa per calcolare quanto consuma un condizionatore e quali sono i fattori che incidono sui costi.

Quanto consuma il condizionare ogni ora?

Come anticipato, non tutti i condizionatori consumano allo stesso modo. Questo vuol dire che non si può calcolare esattamente quanto comuni all’ora senza prendere in considerazione vari fattori: in primis il modello e la tariffa energetica dell’utente.

In genere, per calcolare quanto consuma il condizionatore ogni ora serve eseguire una semplice operazione: moltiplicare la sua potenza, espressa in kW, per il numero di ore di utilizzo al giorno e per il costo dell’elettricità, indicato in euro per kWh.

Facciamo un esempio pratico: un climatizzatore da 9.000 BTU che consuma 0,8 kW all’ora utilizzato per 8 ore al giorno, avrà un consumo giornaliero di 6,4 kWh.

Più il climatizzatore è efficiente e più sarà alto il risparmio energetico complessivo. Quindi un modello di ultima generazione, con classe energetica A+ o superiore, utilizzato in modo intelligente (anche grazie alle funzionalità smart), può rinfrescare la casa senza rischiare brutte sorprese in bolletta.

Quanto consuma un condizionatore in euro

Ora che abbiamo visto come si calcola quanto consuma un condizionatore, vediamo come prevedere quanto si consuma in euro. Per avere questo dato è indispensabile tenere conto del prezzo medio dell’energia elettrica, espresso in euro per chilowattora (kWh). Oltre a questo dato vanno aggiunte imposte, spese di trasporto e gestione dei contatori, tutti elementi che servono a calcolare il costo totale dell’energia elettrica. Il prezzo medio della componente energia varia in base al periodo e le tariffe sono regolate da ARERA per il mercato tutelato.

In sintesi, il costo di utilizzo del condizionatore dipende da tre fattori:

  • la potenza del condizionatore
  • le ore di utilizzo giornaliere
  • il prezzo dell’energia elettrica

Il condizionatore consuma più a caldo o a freddo?

Un dubbio frequente che accomuna chi possiede un condizionatore con pompa di calore è se questo elettrodomestico consumi di più in estate per rinfrescare o in inverno nella funzione “aria calda”.

In realtà, conti alla mano, non vi è una sostanziale differenza. Molto dipende dalle ore di utilizzo e dall’isolamento della casa da spifferi e prese d’aria.

I fattori che influenzano il consumo dei condizionatori

Per avere una stima il più precisa possibile di quanto costa un condizionatore ci sono degli elementi da non trascurare. Questi, sommati tra loro, possono incidere notevolmente sulle bollette dell’energia. Ecco l’elenco delle voci che influenza i consumi:

  • la classe energetica, i modelli di classe A offrono un notevole risparmio energetico rispetto a quelli di classe inferiore
  • il tipo di condizionatore, ad esempio quelli a inverter sono meno energivori rispetto ai modelli on-off
  • i tempi di funzionamento
  • le modalità di utilizzo e la temperatura impostata
  • le condizioni climatiche circostanti
  • le dimensioni e le caratteristiche dell’abitazione

La buona notizia è che per l’acquisto dei condizionatori sono in vigore diversi bonus vantaggiosi. Questi bonus permettono di detrarre parte della spesa dalla Dichiarazione dei redditi, con un risparmio considerevole.
Sapevi che i bonus casa, compreso quello per i condizionatori, si possono usare anche per le case all’asta? Il risparmio così diventa doppio! Da una parte puoi comprare una casa ad un prezzo inferiore e dall’altra usare i bonus per renderla efficiente dal punto di vista energetico.

Tanti annunci interessanti di case all’asta ti aspettano sul sito Immobiliallasta.it, il portale autorizzato dal ministero della Giustizia dove fare affari immobiliari in sicurezza e con il supporto di esperti del settore!


Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale

Lascia un commento