Un immobile ricevuto in donazione si può pignorare o sfugge ai creditori? Ecco cosa dice la legge

In caso di mancato pagamento dei debiti, ad esempio se non si riescono a saldare le rate del mutuo bancario, può scattare un procedimento giudiziario chiamato pignoramento. Questo è uno dei passaggi che porta all’espropriazione della casa e, in una momento successivo, alla vendita all’asta.

Quali immobili si possono pignorare e come (e quando) si può evitare il pignoramento? Regole, limiti e divieti sono tassativamente previsti dalla legge.

Ad esempio, si può pignorare un immobile donato? Si tratta di un dubbio molto frequente: alcuni potrebbero pensare che donando un bene ad un figlio o altro parente si possa evitare l’esecuzione giudiziaria.

In questa breve guida spiegheremo, con parole semplici, che succede e quando è possibile il pignoramento di un immobile donato.

Si può pignorare un immobile donato?

Prima di entrare nel vivo della questione, è bene chiarire cosa si intenda per “donazione di un immobile”. Dal punto di vista legale, la donazione è un contratto con il quale una parte decide di arricchire un’altra con “spirito di liberalità”, cioè gratuitamente. Detto in parole semplici, la donazione è un regalo che un soggetto fa un altro, senza pretendere nulla in cambio. La donazione può riguardare beni mobili, somme di denaro e, naturalmente, anche immobili.

A questo punto qualcuno potrebbe pensare che tramite la donazione si possa evitare il pignoramento da parte del tribunale. In realtà non è così: la legge ammette il pignoramento anche di un immobile donato. Ciò vuol dire che i creditori di colui che ha donato possono rivalersi sull’immobile anche dopo l’atto di donazione. Esistono però delle condizioni da rispettare. Vediamo nel dettaglio quali sono.

La donazione evita il pignoramento?

La risposta a questa domanda è no. La donazione non evita il pignoramento e la successiva esecuzione forzata e vendita all’asta. Vuol dire che se hai accumulato dei debiti e hai ricevuto la notifica del pignoramento non potrai evitare le conseguenze tramite l’atto di donazione verso un parente.

Il motivo è il seguente: i debiti maturati in una data precedente alla donazione “hanno la precedenza”. Vuol dire che il creditore, ad esempio la banca che ha concesso il mutuo, può avviare il pignoramento immobiliare per tutti i debiti nati prima della donazione, anche se la casa ha subìto un cambio di proprietario.

In quali casi il pignoramento non è possibile

Non vi sono dubbi che l’immobile donato sia pignorabile. E invece qual è il destino delle prime e delle seconde case di proprietà? Alcuni credono, erroneamente, che “la prima casa” sia impignorabile, in quanto bene essenziale.

In realtà non è così, la prima casa si può pignorare ogni volta che il debito è di natura privata, come nel caso della banca, di una finanziaria o del condominio. Vuol dire che se non paghi le rate del mutuo, la banca potrà avviare la procedura anche se non possiedi nessun altro immobile.
Invece non si può pignorare la prima casa quando l’origine del debito è pubblica.

Tuttavia, esiste un elenco tassativo di beni mobili che, in nessun caso, si possono pignorare (nemmeno se il debitore non possiede altri beni). I beni impignorabili sono elencati all’articolo 514 del Codice di procedura civile:

  • beni essenziali come generi alimentari e biancheria
  • letto, tavolo, sedie, posate e utensili
  • armadio e cassettiere
  • elettrodomestici essenziali come frigorifero, forno, lavatrice
  • strumenti necessari per lavorare (ad esempio il pc)
  • beni con valore affettivo – anche preziosi – ne sono un esempio le fedi nuziali
  • gli oggetti sacri
  • gli animali di affezione

Al giorno d’oggi acquistare una casa non è semplice, i prezzi in salita e l’aumento dei tassi dei mutui impedisce a molte persone di realizzare questo sogno. La paura di non riuscire a pagare le rate del mutuo e, quindi, rischiare un pignoramento, sta causando una battuta d’arresto nelle compravendite immobiliari.

Sapevi che esiste un modo più conveniente per comprare casa? Stiamo parlando delle aste giudiziarie, vendite gestite dai tribunali dove si trovano case di ogni tipo a prezzi decisamente più bassi. Dai un’occhiata al sito Immobiliallasta.it. Troverai annunci per tutti i gusti e fasce di prezzo con l’aiuto di personale competente che ti seguirà in tutte le fasi dell’asta!


Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale

Trova la tua casa all’asta in modo facile, comodo e sicuro

Lascia un commento