Il mutuo bisettimanale fa risparmiare? Come funziona e vantaggi

Quando si è procinto di comprare una casa, tramite agenzia, da privati oppure nelle aste giudiziarie, molte persone  ricorrono al mutuo.

Il mutuo bancario prevede che, alle condizioni concordate con la banca, il contraente deve versare una quota mensile o annuale. Ma esiste anche un’altra soluzione: il mutuo bisettimanale. Questa tipologia di mutuo, come spiegheremo, consente di risparmiare riducendo la durata e, quindi, il tasso di interesse applicato dagli istituti bancari. Infatti, invece di avere 12 rate in un anno se ne avranno di più.

In questa guida tutto sul mutuo bisettimanale, come funziona, quando conviene e quali sono vantaggi e svantaggi da prendere in considerazione.

Cos’è il mutuo bisettimanale e come funziona

Partiamo dalle basi: cos’è il mutuo bisettimanale e in cosa si differenzia dalle altre tipologie di mutuo? Questo mutuo è una forma di finanziamento in cui il beneficiario non effettua i pagamenti periodici secondo la consueta cadenza mensile, bensì ogni due settimane. La differenza, quindi, sta unicamente nella periodicità con cui la banca preleva la somma pattuita dal conto corrente del richiedente.

Passando ai numeri, visto che un anno ha 365 giorni e 52 settimane, chi sceglie il mutuo bisettimanale dovrà pagare 26 rate nel corso di un anno e non 12, una per ogni mese. Con questo calcolo è facile capire come funzioni il mutuo bisettimanale.

Valore delle Rate

Ma quanto valgono le rate del mutuo bisettimanale? In altre parole, chi compra casa quanto deve pagare ogni 2 settimane alla banca? In questa tipologie di mutuo le rate valgono la metà di quelle standard.

Come gestire i pagamenti del mutuo bisettimanale

Per stipulare il mutuo bisettimanale occorre rivolgersi in banca, fornire i documenti necessari (ad esempio lo stato di famiglia, le buste paga, le ultime Dichiarazioni dei redditi) e stabilire un piano di ammortamento.
Affinché sia valido, il contratto di mutuo bisettimanale deve contenere alcune informazioni imprescindibili per individuare il mutuatario e l’immobile:

  • i dati identificativi del contraente
  • eventuali garanti, fideiussori o terzi datori di ipoteca
  • la stipulazione dell’assicurazione scoppio e incendio
  • indirizzo e dati catastali dell’immobile
  • l’importo della rata e la scadenza dei singoli pagamenti

Mutuo bisettimanale come funziona: vantaggi e svantaggi

A questo punto è lecito domandarsi se e in quali casi il mutuo bisettimanale convenga. Considerando pro e contro di questa soluzione, il mutuo bisettimanale è adatto per chi desidera risparmiare e preferisce versare 26 rate all’anno. Ecco i principali vantaggi:

  • si risparmia sugli interessi applicati dalla banca
  • il mutuo viene estinto in minor tempo
  • semplifica la gestione delle entrate e delle spese nelle persone che percepiscono redditi su base settimanale e non mensile
  • per alcuni avere più rate di importo minore è meno stressante

Passando agli svantaggi, invece, ecco i “contro” del mutuo bisettimanale:

  • minore liquidità nel breve termine per gestire le spese quotidiane
  • maggiori spese amministrative di gestione del mutuo
  • possibile difficoltà nell’affrontare spese impreviste

Se sei interessato all’argomento “mutuo” probabilmente stai valutando di acquistare una casa. Forse non sai che il mutuo bancario è una soluzione percorribile anche per acquistare immobili nelle aste giudiziarie. Le aste, infatti, sono un canale alternativo tramite il quale trovare abitazioni a basso prezzo in tutta Italia e di ogni tipologia. Immobliallasta.it è il portale autorizzato dal ministero della Giustizia nel quale trovare annunci interessanti! Ed è perfetto anche per chi non ha mai partecipato e non conosco nulla sul mondo delle aste: il personale esperto di Immobiliallasta.it ti darà le dritte necessarie per aggiudicarti l’immobile in sicurezza e senza errori!


Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale

Lascia un commento