Ecco che cosa prevede la legge e cosa puoi fare.

Hai deciso di cogliere l’occasione del momento e tentare di aggiudicarti l’immobile che ti piace all’asta? Ottimo! Prima di partecipare all’asta, però, assicurati di avere tutti gli elementi per farlo e soprattutto decidi a chi spetterà l’intestazione dell’immobile all’asta. Sì, perché per legge il soggetto che partecipa all’asta deve essere poi anche l’intestatario dell’immobile. Ciò significa che se sei tu a presentarti all’asta sarai tu l’intestatario in caso di aggiudicazione. E se, invece, volessi farlo intestare ad un’altra persona? (un figlio, un parente etc). In tal caso dovrai allegare alla partecipazione all’asta la procura notarile in cui si specifica che stai partecipando alla vendita per conto di un’altra persona (di cui ovviamente andranno specificati tutti i dati).

Quando diventi aggiudicatario e intestatario di un immobile all’asta

Ma in quale momento tu, in qualità di aggiudicatario, hai la consegna delle chiavi e diventi ufficialmente nuovo proprietario dell’immobile e di conseguenza intestatario? Quando viene firmato e depositato in cancelleria il decreto di trasferimento che, per l’appunto, decreta il trasferimento di proprietà dal vecchio proprietario (il debitore esecutato) al nuovo (tu). Chi se ne occuperà? Il delegato della vendita che userà i soldi della cauzione versata dall’aggiudicatario e del fondo spese per saldare tutte le spese per il trasferimento dell’immobile, come l’imposta di registro (che ricordiamo essere pari al 2% per la prima abitazione e del 9% per la seconda), l’imposta ipotecaria e catastale di 50 euro ciascuna, il compenso del delegato etc. Puoi approfondire tutti i dettagli sulle spese da saldare in questo articolo.

A chi affidarti per la partecipazione all’asta ai fini dell’intestazione dell’immobile

Per evitare di commettere errori banali, come per l’appunto indicare un nominativo per la partecipazione all’asta e voler però che l’intestazione venga fatta a nome di un’altra persona, sarebbe opportuno farsi aiutare dai professionisti del settore. Se hai bisogno di un supporto puoi rivolgerti al nostro team di specialisti di aste.

Cerca il tuo immobile su Immobiliallasta.it, compila il form contatti e otterrai l’aiuto che ti serve. Facile, veloce, a portata di un clic!


Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale

Questo articolo ha 6 commenti.

  1. Fabio

    In caso di aggiudicazione asta posso intestare l immobile ai figli minorenni? Grazie

  2. andrea

    In caso di aggiudicazione asta da parte di un singolo soggetto, è possibile una cointestazione dell’immobile post aggiudicazione? Grazie

    1. immobiliallasta.it

      Buongiorno Andrea,
      grazie per il tuo commento. Dopo l’aggiudicazione, la cointestazione può essere realizzata attraverso un atto di donazione, vendita o altro tipo di trasferimento di proprietà a favore della persona con cui si desidera cointestare l’immobile. Tuttavia, è importante considerare che tale operazione può comportare delle implicazioni fiscali e legali.

      Perciò ti consigliamo di consultare un notaio o un avvocato specializzato in diritto immobiliare per una guida specifica e per assicurarti di rispettare tutte le normative e procedure pertinenti.

      Il Team di Immobiliallasta.it

  3. Andrea

    In caso di asta con più offerenti, è possibile intestare la casa a tutti gli offerenti (in proporzione ognuno della quota di partecipazione)?

    1. immobiliallasta.it

      Buongiorno Andrea,
      grazie per il tuo commento. Sì, in caso di un’asta con più offerenti, è possibile intestare la casa a tutti gli offerenti, con ciascuno che detiene una quota proporzionale alla sua partecipazione nell’offerta. Questo può essere organizzato formalizzando un accordo di co-proprietà o di comproprietà tra tutti gli offerenti. È importante assicurarsi che l’accordo sia ben documentato e che le quote di partecipazione di ciascun offerente siano chiaramente definite.

      In bocca al lupo!

      Il Team di Immobiliallasta.it

Lascia un commento