Detrazioni e agevolazioni fiscali per ristrutturare la casa all'asta in economia

Comprare una casa all’asta è conveniente: i prezzi sono più vantaggiosi delle case che si trovano sul mercato tradizionale, fino al 30-40% in meno! Non solo, chi acquista una casa all’asta può ristrutturarla e arredarla, in tutto o in parte, in economia grazie a diversi bonus in vigore per tutto il 2024.

Di quali bonus parliamo? Il governo nell’ultima legge di Bilancio ha confermato il bonus ristrutturazioni, mobili, il bonus verde e la detrazione fiscale per eliminare le barriere architettoniche. Anche se, rispetto al passato, il quadro del bonus in vigore è stato modificato – con l’eliminazione del Superbonus – per ristrutturare la casa all’asta ci sono ancora diverse vie convenienti.

In questa guida dettagliata tutto quello che c’è da sapere sulla casa all’asta da ristrutturazione tramite bonus fiscali.

Casa all’asta da ristrutturare: i bonus in vigore per il 2024

Il 2024 si conferma un buon anno per procedere a lavori di ristrutturazione interna, sia degli immobili singoli che in quelli situati nei condomini. Una casa all’asta può essere messa a nuovo sfruttando diverse agevolazioni fiscali, cosa che rende l’acquisto in asta particolarmente vantaggioso.

Fino al 31 dicembre 2024, chi si è aggiudicato un immobile all’asta può modificarlo o ammodernarlo con:

  • il bonus ristrutturazioni, per lavori di manutenzione straordinaria
  • il bonus mobili ed elettrodomestici per l’acquisto di mobilio, forni, frigoriferi e così via
  • il bonus verde per la messa a nuovo di terrazzi, balconi e giardini
  • il bonus per l’eliminazione delle barriere architettoniche, usato per installare ascensori e montascale
  • l’Ecobonus destinato a interventi mirati ad aumentare la classe energetica dell’immobile

Questi bonus consentono di eseguire lavori interni ed esterni alla casa all’asta recuperando parte della spesa nella Dichiarazione dei redditi annualmente, con quote di pari importo da distribuire in 10 anni.

Casa all’asta, il Superbonus è possibile?

A partire da gennaio 2024 il governo ha deciso di dare una “stretta” sostanziosa al Superbonus per ridurre la spesa pubblica. Quindi, eccetto situazioni straordinarie, nell’anno in corso non è possibile usufruire del Superbonus per la casa all’asta. Ciò non vuol dire che non si possano portare  a termine interventi per riqualificare l’immobile:

  • l’Ecobonus consente di migliorare la classe energetica della casa con la detrazione del 50% o 65% sulla spesa finale
  • il Sismabonus contende di mettere in sicurezza l’immobile se colpito da eventi sismici, con detrazione del 50%
  • il bonus ristrutturazioni per tutti i lavori interni di manutenzione straordinaria come costruzione di pareti in cartongesso, ampliamento degli ambienti, rifacimento del bagno e così via

Come acquistare una casa all’asta senza rischi?

Come abbiamo visto, la casa all’asta può essere ristrutturata completamente con i bonus statali, esattamente come avviene per gli immobili acquistati sul mercato tradizionale. La differenza sta nel prezzo: per avere una casa all’asta moderna ed efficiente la spesa necessaria è sicuramente inferiore. Il motivo è che gli immobili all’asta hanno un prezzo base di partenza decisamente inferiore rispetto al valore di mercato. Ciò perché nelle vendite all’asta i prezzi base stabiliti dal tribunale servono ad invogliare gli offerenti e recupere denaro per saldare i creditori del debitore pignorato.

Comprare all’asta, se non si è esperti, potrebbe comportare dei rischi. Il primo motivo è che non tutti sono in grado di leggere e interpretare i documenti tecnici del tribunale e dei periti, il secondo motivo, invece, riguarda le regole delle aste, a molti sconosciute. Per questo motivo tante persone preferiscono partecipare alle aste con il supporto di personale competente! Non sai dove trovare annunci di case all’asta? Ecco un sito che fa per te: Immobiliallasta.it. Dai un’occhiata e non perdere le tante opportunità di acquisto in tutta Italia pronte per te!


Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale

Questo articolo ha 11 commenti.

  1. Antonio

    e per i lavori straordinari per ristrutturazione interno dell’appartamento, sostituzione piastrelle, bagni impianti elettrici , caldaia e quant’altro, è prevista la detrazione fiscale? Grazie

    1. Buongiorno Antonio e grazie per il commento,
      per quanto riguarda le ristrutturazioni interne è stato prorogato il bonus al 50% fino al 2024. Se vuoi conoscere nel dettaglio le tipologie di lavori che comprende ti consigliamo di rivolgerti ad una ditta specializzata.
      Un saluto dal team Immobiliallasta.it

  2. Michele

    Buongiorno , spiegato bene in tutti i suoi punti.
    Semplice e comprensibile.

    1. immobiliallasta.it

      Grazie Michele!

  3. Giuseppe

    Se l’immobile acquistato all’asta presenta delle difformità catastali già espressamente indicate sulla perizia, di cui alcune sanabili e altre ripristinabili, qual è la procedura per accedere al superbonus 110%? Bisogna prima ripristinare/sanare tutto prima del bonus?

    1. immobiliallasta.it

      Buongiorno Giuseppe, grazie mille per il commento.

      Si, per poter accedere al superbonus 110% è necessario sanare tutti gli abusi sanabili e ripristinare quelli non sanabili.
      Questo vale per tutti in bonus!

      Il Team di Immobiliallasta.it

    2. immobiliallasta.it

      Buongiorno Giuseppe e grazie per il tuo commento.

      Il tuo dubbio è corretto: nessuno dei bonus previsti dallo Stato è eseguibile su immobili con abusi o difformità edilizie. Quindi l’iter corretto per ottenere le agevolazioni prevede, innanzitutto, la sanatoria da parte del Comune in cui l’immobile è ubicato.

      Un saluto dal Team Immobiliallasta.it

  4. Giulia

    Il superbonus è valido fino a Dicembre 2023 solo per case all’asta anche se abitazione singola o finisce con Dicembre 2022? Grazie

    1. immobiliallasta.it

      Buongiorno Giulia, grazie per il tuo commento.
      Secondo le ultime novità in merito, il superbonus 110 per le case unifamiliari è valido fino a dicembre 2022 senza il vincolo di Isee di 25mila euro ma è necessario solo completare il 30% dei lavori entro il 30 settembre 2022. La proroga al 2023 riguarda solo i condomini e gli edifici costituiti da 2-4 unità immobiliari.

      Il Team di Immobiliallasta.it

  5. mary

    BUON POMERIGGIO HO ACQUISTATO UNA VILLETTA BIFAMILIARE ALL’ASTA E NONOSTANTE in fase di definizione (senza finestre) accatastata A3. POsso fruire del bonus ristrutturazione? i venditori di infissi mi fanno problemi poichè non vi sono finestre da sostituire ma ho visto che anche gli f4 posso fruire delle detrazioni

    1. immobiliallasta.it

      Buonasera Mary, grazie per il tuo commento.
      L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato di recente (inizio ottobre) gli ultimi aggiornamenti in merito al bonus ristrutturazione. Al seguente link trovi il file pdf con la guida dettagliata per ottenere l’agevolazione fiscale: https://www.agenziaentrate.gov.it/portale/documents/20143/233439/Guida_Ristrutturazioni_edilizie_13102022.pdf/8d95da01-6836-8499-302b-caae735e8ba1.

      In bocca al lupo!

      Il Team di Immobiliallasta.it

Lascia un commento