Le prossime mosse della BCE sul taglio dei tassi dei mutui, quando scenderanno?

Le scelte della BCE hanno influenzato i tassi dei mutui, con un aumento significativo della spesa per gli italiani. Chi, negli anni passati, aveva stipulato un mutuo a tasso fisso si è ritrovato a pagare delle rate eccessive; allo stesso modo chi apre un mutuo a tasso fisso in questo periodo deve fare i conti con percentuali elevate.

Da mesi ormai non si fa altro che parlare del fatto che la Banca centrale europea potrebbe essere pronta ad abbassare i tassi sui mutui, dato che i dati sull’inflazione sono stabili. Tuttavia, almeno per il momento, non c’è una data ufficiale che segna l’ok della BCE di abbassare i tassi su mutui e prestiti.

Molte persone si domandano se questo sia il momento giusto per comprare casa oppure se è la scelta migliore è aspettare, sperando che a breve la situazione cambi. Ecco le previsioni sull’andamento dei mutui e quali potrebbero essere le prossime mosse della BCE.

BCE e tassi sui mutui: ecco cosa succederà

I tassi sui mutui hanno raggiunto il picco. La BCE lo ha detto più volte, facendo intendere che, salvo imprevisti, non ci saranno ulteriori rialzi. Ad oggi i tassi di interesse sulle operazioni di rifinanziamento sono fissati al 4,50%, quelli sul rifinanziamento marginale al 4,75%, mentre quelli sui depositi presso la Banca Centrale Europea al 4,00%.
Indici che hanno un peso notevole sulle tasche degli italiani, dato che ad ogni rialzo corrisponde l’incremento del valore della rata del mutuo.

Questo si traduce nell’innalzamento degli importi da pagare mensilmente alle banche, specialmente per coloro che hanno sulle spalle un muto a tasso variabile.
La situazione è ormai stabile, tuttavia i tassi non accennano a diminuire. Nonostante le dichiarazioni degli esponenti della politica monetaria internazionale, per ora i tassi sui mutui sono stabili.

Quando scendo i tassi sui muti?

Le mosse della BCE riguardo ai tassi di mutui e prestiti non sono note. Da una parte sembrerebbe chiara l’intenzione di non ordinare nuovi rialzi, tuttavia il taglio tanto atteso non c’è ancora stato.
Secondo alcuni la “discesa” potrebbe arrivare nell’estate, a partire da giugno o luglio 2024. In ogni caso si tratterà di un taglio graduale: vuol dire che, prima che i tassi sui mutui torneranno bassi, si dovrà aspettare diverso tempo.

Comprare casa con il mutuo, conviene adesso o è meglio aspettare?

Quello che tutti vorrebbero sapere è se questo è il momento giusto per acquistare casa tramite il mutuo. I tassi attualmente non sono vantaggiosi e, come abbiamo anticipato, non c’è ancora una data certa per l’inizio del taglio dei tassi da parte della BCE. Tuttavia pochi sanno che esiste il sistema della surroga o della rinegoziazione del mutuo, due metodi con i quali è possibile cambiare banca e ottenere dei mutui più vantaggiosi oppure modificare le condizioni concordate in precedenza.

Comprare casa è uno dei passi più importanti nella vita di una persona, richiede infatti un investimento di denaro considerevole. In questo momento storico, oltre ai mutui alle stelle, anche i prezzi degli immobili sono elevati. Per tale motivo acquistare un immobile per molti è diventato un sogno irrealizzabile.

Esiste però un’alternativa alle compravendite tradizionali: le aste immobiliari. Con le aste si possono comprare ville, terreni e appartamenti a prezzi decisamente più vantaggiosi (fino al 40% in meno) e ottenere ugualmente agevolazioni sul mutuo.

Su Immobiliallasta.it ci sono tanti annunci interessanti da non farsi scappare! E se non hai mai partecipato ad un’asta e non sai come fare, niente paura! Un team di esperti ti aiuterà a concludere l’affare senza errori e senza brutte sorprese.


Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale

Lascia un commento