La risposta ad un dubbio comune: l'assicurazione sul mutuo è sempre obbligatoria? Ecco quando

Assicurare la casa da incendi, furti e danni ai vicini è una soluzione che può rivelarsi molto utile, ma rappresenta un costo aggiuntivo che non tutti sono disposti a spendere. Esistono diverse tipologie di assicurazione sulla casa, per ogni necessità e fascia di prezzo. Più si paga e più sarà elevato il massimale coperto dall’ente assicuratore come risarcimento danni.

Le assicurazioni sulla casa, quindi, sono facoltative. Tuttavia esiste un caso in cui la copertura assicurativa è obbligatoria: quando si stipula un mutuo bancario per acquistare la prima o la seconda casa.
Quale assicurazione sul mutuo è obbligatoria e quanto costa? In questo articolo troverete tutti gli approfondimenti sul tema.

Assicurazione mutuo, quale è obbligatoria e perché

Quando ci si reca in banca per stipulare un mutuo, l’istituto bancario propone la stipulazione di un’assicurazione sull’immobile. Questa serve a tutelare la casa sulla quale la banca iscrive un’ipoteca. In altre parole, la banca vuole salvaguardare l’immobile che funge da garanzia in caso di mancato pagamento delle rate da parte del contraente.
Quale assicurazione sul mutuo è obbligatoria? L’unica polizza assicurativa obbligatoria, dalla quale il richiedente non può sottrarsi, quella “scoppio e incendio” che copre:

  • i danni provocati da incendi, scoppi ed esplosioni
  • il rimborso delle spese di riparazione e sgombero macerie

Una precisazione è necessaria: chi richiede il mutuo è libero di scegliere se stipulare l’assicurazione scoppio e incendio direttamente con la banca o con un’assicurazione esterna. In caso di sottoscrizione con un diverso ente assicurativo, la banca è obbligata ad accettare la soluzione proposta. Se rifiuta dovrà fornire una giustificazione scritta.

Quale assicurazione è obbligatoria con il mutuo?

Facciamo chiarezza: l’unica assicurazione obbligatoria per avere un mutuo bancario è quella che copre in caso di scoppio e incendio. Questa assicurazione ha lo scopo di proteggere l’immobile da incidenti che danneggerebbero la casa e, quindi, la garanzia dell’istituto bancario. Le altre assicurazioni, ad esempio quelle per i danni a cose e persone, non sono obbligatorie ma rimesse alla discrezionalità del cliente.

Cosa succede se non pago l’assicurazione sul mutuo

Il pagamento dell’assicurazione scoppio e incendio, come anticipato, è obbligatorio. Per questo motivo se il cliente non paga non ci potrà essere l’erogazione del finanziamento. Il versamento della somma è una condizione essenziale per l’apertura della pratica di mutuo.

Invece, per quanto riguarda le assicurazioni accessorie, le cose stanno diversamente. Il mancato pagamento comporta la sospensione della copertura assicurativa, mentre il mutuo resta valido.

Quanto costa una assicurazione sul mutuo

Il costo dell’assicurazione sul mutuo varia in base all’istituto bancario al quale ci si rivolge e al valore dell’immobile. Solitamente la cifra che corrisponde all’assicurazione scoppio e incendio è pari al 5% della somma richiesta a titolo di finanziamento. Questa però è una indicazione generale, e potrebbe cambiare in base alla tipologia di abitazione.
A discrezione della banca, inoltre, tale somma andrà versata in un’unica soluzione, al momento dell’apertura del mutuo, oppure potrà essere “spalmata” in diverse rate.

Il mutuo è la soluzione che permette di comprare casa a chi non dispone di sufficiente liquidità. Forse non sai che è possibile ottenere il muto anche per comprare casa all’asta, e non soltanto per gli immobili in vendita sul mercato tradizionale.

Tutte le principali banche concedono i mutui per gli immobili in asta, alle medesime condizioni. Il vantaggio di acquistare all’asta è sicuramente il prezzo: appartamenti, ville, case indipendenti e box auto hanno un prezzo inferiore, fino al 40% in meno! Se cerchi annunci interessanti e dettagliati, non farti scappare le occasioni di Immobiliallasta.it il portale online autorizzato dal ministero della Giustizia dove trovare tutto ciò che cerchi!


Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale

Lascia un commento